Blog: http://DanieleSalvi.ilcannocchiale.it

Salvi e Montesi: “Benvenuto Ministro Romani, buon ultimo!”

Alla fine si è visto anche Paolo Romani. Nel via vai da Roma a Macerata di esponenti del Governo con le tasche piene di promesse, è arrivato a cinque giorni dalla conclusione della campagna elettorale anche il Ministro dell’Industria.

Meglio tardi che mai. Dopo circa tre anni dall’esplodere della crisi dell’Antonio Merloni, dopo aver atteso 18 mesi per vedere la firma in calce all’Accordo di Programma, dopo aver aspettato per un anno in piena crisi economica la nomina di un nuovo Ministro dell’Industria, ci si ricorda a pochi giorni dal voto che esistono anche le Marche e la Provincia di Macerata e che i lavoratori della Antonio Merloni “non ne possono più”

Tra l’altro non si capisce che cosa ci facesse al seguito del Ministro nella visita istituzionale in fabbrica il candidato della destra Capponi, il quale continua a dare i numeri su aziende che hanno usufruito di strumenti di credito che lui ha solo ereditato e ha continuato a finanziare in modo del tutto insufficiente, così come sugli strumenti di inserimento lavorativo dei giovani.

In piena crisi economica, nel fatidico anno di governo di Capponi, il tavolo di concertazione è stato dismesso e l’Assessore al Lavoro non ha mai incontrato i lavoratori della Merloni.

Per fortuna che ci ha pensato il Presidente Spacca a rappresentare la complessità delle questioni, che non riguardano solo la Antonio Merloni e che le Marche stanno cercando di affrontare, purtroppo da sole: crisi aziendali rilevanti, settori e distretti fatte di piccole e piccolissime imprese che hanno bisogno di attenzione concreta, i danni dell’alluvione, la questione rigassificatori, le interferenze dell’applicazione del digitale terrestre sull’emittenza locale.

Speriamo che Romani abbia almeno preso appunti.


 


 

Daniele Salvi

(Candidato PD Collegio di Castelraimondo)

Massimo Montesi

(Candidato PD Collegio di Matelica)

 


 

Pubblicato il 10/5/2011 alle 18.2 nella rubrica diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web