.
Annunci online

PASSIONE E IDEE IN REGIONE
POLITICA
29 dicembre 2012
PRIMARIE - PD - DOMENICA 30 DICEMBRE
Cari Amici,
v'invito ad andare a votare domani Domenica 30 Dicembre dalle ore 8 alle ore 21 presso i seggi delle vostre città per scegliere i candidati del Partito Democratico della nostra provincia al Parlamento. Personalmente sosterrò la candidatura di Mario Cavallaro, parlamentare uscente del Pd, non solo perchè ha già rappresentato tutto il nostro territorio in Parlamento, ma perchè più di altri ha il profilo e la competenza per ricoprire e svolgere questo ruolo, tra l'altro in un periodo di crisi in cui sono in ballo importanti questioni per la nostra comunità (dal lavoro al futuro delle Province, dalla distribuzione e qualità dei servizi ai problemi degli Enti locali), e anche perchè ha dato da componente della Commissione Giustizia un solido contributo di carattere nazionale, quello che in definitiva un Parlamentare della Repubblica deve saper fare. Sosterrò, inoltre, e invito anche voi a farlo, la candidatura di Irene Manzi, giovane, ma preparata Vicesindaco della città Capoluogo, Macerata, che più di altre ha il profilo per assolvere a un ruolo di grande prestigio per chi crede nelle istituzioni e nella buona politica.
Buone primarie a tutti.
Saluti.
Daniele



permalink | inviato da Daniele Salvi il 29/12/2012 alle 16:11 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
POLITICA
27 dicembre 2012
Bernardino Feliciangeli: "Longobardi e Bizantini lungo la via Flaminia nel secolo VI", Arnaldo Forni Editore, Bologna 2007, pp. 96.
L'edizione anastatica di un breve quanto intenso studio su uno dei periodi più carenti di fonti della storia d'Italia e su un territorio, quello dell'appennino centrale, con fulcro nella città di Spoleto, dove nacque e si estese il ducato longobardo, che trasse la sua forza dal controllo di una delle arterie romane più importanti nel collegamento tra la sede papale di Roma e gli insediamenti bizantini principali con sede a Ravenna, ma anche ad Ancona. Feliciangeli (1862-1921) fonda il suo esame storico sulle fonti più vicine a quel periodo e coniuga con la perizia dei grandi storici le vicende territoriali con i grandi eventi, che coinvolgono in particolare i rapporti con il Nord e il Sud d'Italia, tra Parma e Benevento, quelli con la Chiesa e Papa Gregorio Magno, da un lato, e quelli con i greci Bizantini ancora presenti in ampie zone dell'Italia, dall'altro. Non solo, ci restituisce l'estensione dell'insediamento longobardo nell'Italia centrale, tra Toscana, Umbria, parte del Lazio, Abruzzi e Piceno, fino a Scheggia sul versante umbro e l'Esino sul versante marchigiano, con il particolare controllo delle parti montuose del centro Italia. Insieme a questo restituisce nuova luce alla toponomastica dei luoghi, che ancora oggi conservano la traccia di questo dominio e di quello che fu un rinnovamento dell'assetto amministrativo, viario e insediativo che il popolo dalle lunghe barbe produsse. Feliciangeli parla dei primi duchi Faroaldo e Ariulfo, del controllo strategico di Fermo e Camerino sul versante più esposto verso i Bizantini, del progressivo sciogliersi delle relazioni con il Papa e Roma, fino alla conversione di Ariulfo durante la battaglia di Camerino del 591-592 d.C., con la quale i Longobardi estesero il loro dominio sulla Marca fino a Fano e Osimo e la sinclinale camerte-fabrianese assunse un'importanza strategica, che non aveva avuto in epoca imperiale, nei collegamenti con il Nord delle Marche e la Romagna. La via Flaminia e i suoi diverticoli saranno il teatro di una storia importante, i tracciati principali saranno più di uno a seconda che a percorrerla fossero i Bizantini o i Longobardi, mentre tra l'assedio di Roma e le puntate offensive su Ravenna si ripopolava l'Appennino, esausto al pari delle grandi città a causa delle epidemie e delle distruzioni della guerra greco-gotica.



permalink | inviato da Daniele Salvi il 27/12/2012 alle 13:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
CULTURA
25 dicembre 2012
LA REGIONE MARCHE FINANZIA LE SEZIONI PRIMAVERA
Nonostante i tagli e la riduzione delle risorse trasferite anche in ambito sociale e educativo la Regione Marche è riuscita a finanziare con il Bilancio preventivo 2013 appena approvato le “Sezioni Primavera”, che consentono ai bambini dai 24 a 36 mesi e alle loro famiglie di godere di un servizio ponte tra l’asilo nido e le scuole dell’infanzia.

Salutiamo molto positivamente questa scelta attraverso la quale la Regione destina ben 400.000 euro al proseguimento di esperienze che, seppure partite e vissute finora in modo sperimentale, hanno una grande importanza educativa a fronte di un finanziamento che è andato via via estinguendosi e che stava rendendo infruttuoso lo sforzo che pure i Comuni hanno continuato a fare nel tempo.

A livello nazionale sono circa 1459 le sezioni primavera che ospitano circa 23.142 bambini, mentre nelle Marche sono 24, la maggior parte comunali, e 341 i bambini che le frequentano. In provincia di Macerata sono 5 nei Comuni di Castelraimondo, Fiuminata, Montecosaro, Ripe San Ginesio e San Severino Marche.

Ci sembra un segnale importante che, insieme ai fondi promessi dal Governo per il 2013, tende a rassicurare le amministrazioni locali e le famiglie circa la continuità di un servizio educativo, di accoglienza e sociale per il quale continua la battaglia verso la sua stabilizzazione, oltre che per la definizione dei profili professionali dei docenti/educatori.

 

 

Daniele Salvi

Consigliere provinciale Pd

Provincia di Macerata




permalink | inviato da Daniele Salvi il 25/12/2012 alle 12:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
7 dicembre 2012
FESTA DELLA DEMOCRAZIA PARTECIPATA

Carissimi amici,

dopo le due grandi giornate del centrosinistra vi invito alla cena dei volontari delle primarie che si terrà a Macerata il giorno 14 Dicembre p.v. alle ore 20,00 presso l’ostello asilo Ricci.
 
Per info e prenotazioni:
 
tel 0733/280022
 
fax 0733/287845
 
 
PRENOTAZIONI ENTRO MERCOLEDI’ 12 DICEMBRE
 
Costo della cena 15,00 euro



permalink | inviato da Daniele Salvi il 7/12/2012 alle 11:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
politica interna
1 dicembre 2012
Domenica 2 Dicembre: torniamo a votare e votiamo BERSANI

APPELLO DEL COMITATO BERSANI AGLI ELETTORI E AGLI ALTRI CANDIDATI.

 

Domenica 2 dicembre invitiamo gli elettori del centrosinistra che hanno votato il 25 novembre a tornare ai seggi delle primarie e votare Pierluigi Bersani. Il Paese ha bisogno di una guida sicura ed esperta che, insieme ad una coalizione coesa e al sostegno popolare che queste primarie hanno promosso, ci porti fuori dalla crisi.

Le elezioni primarie sono state un grande successo di partecipazione e organizzativo e respingiamo il tentativo in atto in queste ore di sporcarne il valore, forzando le regole che unanimemente ci siamo dati. Quando il tarlo della divisione viene artatamente insinuato diventa difficile fermarlo, si parte dalla volontà di “rottamare” qualcuno e si finisce per rottamare anche la ditta.

Noi vogliamo difendere e salvaguardare l’impegno generoso e disinteressato di tanti volontari e di tantissimi cittadini che si sono iscritti e hanno votato il 25 novembre, con correttezza, trasparenza e serenità.

Siamo impegnati a far rispettare le regole che prevedono singole e motivate deroghe alla possibilità d’iscriversi per il ballottaggio che spetterà al Coordinamento provinciale vagliare. Non permetteremo forzature, più o meno organizzate, tantomeno nella giornata di domenica, che deve essere il coronamento di un percorso che ha rimesso al centro la politica e rilanciato fortemente il Pd e il centrosinistra. La sfida per tutti è quella di vincere le elezioni della primavera prossima e ciò richiede impegno unitario e responsabilità.

Chiediamo, dunque, che in queste ultime ore si torni ai contenuti e ci si confronti in modo rispettoso. Salutiamo positivamente la convergenza dell’Api di Tabacci su Bersani. Rivolgiamo, inoltre, un appello agli elettori e alle forze politiche che hanno sostenuto gli altri candidati, in particolare Vendola, ma anche Puppato, perché a partire dalla condivisione di un programma di ricostruzione e cambiamento, che rimette al centro lavoro, sviluppo sostenibile, equità, democrazia, Europa e diritti, possa venire il sostegno alla candidatura a Presidente del Consiglio di Pierluigi Bersani.

Siamo ad un passo dalla vittoria, anche nella provincia di Macerata, torniamo a votare e votiamo Pierluigi Bersani, il candidato che unisce il centrosinistra e cambierà l’Italia.

 

 

Comitato Bersani

Provincia di Macerata




permalink | inviato da Daniele Salvi il 1/12/2012 alle 10:2 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
novembre        gennaio